Riepiloghiamo al meglio tutte le regole da seguire da Giugno 2021 per feste e cerimonie nel rispetto delle regole Covid-19.

Come già detto il 15 Giugno è ripartito il settore del wedding, delle cerimonie, delle feste e di tutte quelle occasioni di convivialità che tanto ci sono mancate.

Il Comitato Tecnico Scientifico ha redatto un protocollo contenente tutte le regole da seguire durante lo svolgimento degli eventi.

Analizziamole ad una ad una, con la raccomandazione di non abbassare la guardia e di godervi la Vostra festa.

Nessun tetto al numero di invitati sia all'aperto che al chiuso. Sarà la capienza massima delle sale ricevimento a determinare il numero massimo di invitati.

Ciascun partecipante dovrà essere in possesso del Covid Pass o Certificato Verde (attestato di vaccinazione rilasciato dagli appositi enti preposti nei 15 giorni precedenti l'evento o dopo somministrazione della prima dose o della doppia dose; oppure attestazione di guarigione; oppure documentazione di aver effettuato un tampone nelle 48 ore precedenti la data dell'evento).

Utile ma non obbligatoria la figura del Covid Manager, un incaricato preposto al controllo del Covid Pass, alla supervisione della distribuzione dei tavoli e al rispetto del protocollo di sicurezza varato a tutela di lavoratori e invitati.

Obbligo di misurazione della temperatura corporea per ciascuna partecipante. Qualora dovesse superare i 37.5 gradi, non consentirà alla persona in questione di prendere parte alla cerimonia.

Obbligo di indossare la mascherina al chiuso e all'aperto, e per gli sposi e per gli invitati e per i fotografi, quando non si avrà la possibilità di rispettare il distanziamento interpersonale di almeno 1 mt.

Obbligo di rispettare il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro al chiuso e all'aperto anche per ospiti e operatori di sala.

Obbligo per il personale addetto di indossare la mascherina e igienizzarsi frequentemente le mani.

Preferibile lo svolgimento degli eventi all'aperto. Qualora le condizioni metereologiche non dovessero consentirlo, vige l'obbligo di arieggiare gli ambienti interni delle sale frequentemente per agevolare il ricambio dell'aria.

La distanza minima tra i tavoli dovrà essere di almeno 2 mt  anche 2.5 mt dove possibile (considerando anche il passaggio degli operatori di sala).

Ciascun tavolo dovrà garantire il distanziamento interpersonale degli ospiti a sedere di almeno 1 mt (dunque benissimo il classico tavolo tondo da 8 invitati), fatta eccezione per gli appartenenti allo stesso nucleo familiare.

Consentito il buffet, ma con modalità di somministrazione esclusiva da parte del solo personale addetto. (NO Self-service, salvo nel caso di vivande servite in porzioni monodose).

No agli assembramenti in prossimità del buffet. Sarà necessario evitare di creare il sovraffolamento, cercando di dislocare i punti di ristoro all'interno della sala in maniera organizzata e distanziata (avvalendosi di segnaletica apposita, barriere etc etc..).

Pane, grissini, taralli e salse saranno serviti dal personale incaricato direttamente ai tavoli,  singolarmente a ciascun invitato, in porzioni monodose non confezionate.

Il menù non sarà più cartaceo sui tavoli a disposizione degli ospiti, ma verrà sostituito da una sorta di tableau apposito visionabile all'ingresso della sala.

I gruppi musicali avranno l'obbligo di mantenere una distanza di almeno 3 mt dal pubblico in sala, salvo che non siano dotati di barriere antidroplet.

Balli consentiti all'esterno, e anche all'interno ma con obbligo di garantire a ciascun invitato uno spazio di movimento di 2 mq.

Eliminato il tavolo delle bomboniere! Dovranno essere gli sposi a consegnarLe agli invitati per nucleo familiare, previa igienizzazione delle mani.

Obbligo per gli sposi di conservare nei 14 giorni successivi allo svolgimento del matrimonio l'elenco degli invitati, al fine di rendere più agevole eventuali operazioni di tracciamento dei contagi.

Siate cauti e coscienziosi, affidatevi a professionisti del settore e con grande gioia, non ci resta che augurarVi Buona Festa